News

POSTURA A “S” POSTURA A “C”

La postura a S è una caratteristica che si produce quando il giocatore crea un arco troppo accentuato nella parte bassa della schiena spingendo l’osso sacro verso l’esterno durante la posizione di set up.

Questa accentuata curvatura della parte bassa della schiena causa un eccesso di tensione nei muscoli lombari e fa sì che i muscoli addominali siano troppo rilassati. La disattivazione dei muscoli del “core” può causare una perdita della postura od una posizione di reverse spine angle durante il backswing. Questo, a sua volta, porterà la parte inferiore del corpo fuori posizione nel downswing ed influenzerà la corretta sequenza motoria nel downswing

( Fianchi-Torace-Braccia-Bastone)

Reverse Spine Angle

Si possono effettivamente spingere in fuori i glutei nella posizione di set up senza inarcare la schiena se si riesce a fare perno sui fianchi e a mantenere la colonna vertebrale in una posizione stabile e neutra. Questo richiede una buona resistenza del “core” e una corretta stabilizzazione della zona lombare

 

Cause più comuni

  • Inclinazione eccessiva del bacino all’address
  • Una posizione fisica di set up mal interpretata

La postura a C si verifica quando le spalle sono rivolte in avanti all’address formando un’accentuata rotondità nella parte posteriore del corpo, dal coccige alla nuca. Il giocatore non riuscirà a mantenere il backswing corto e ampio e troverà difficoltà nel mantenere la postura mentre porta il bastone indietro.

PERDITA DI POSTURA NEL BACKSWING

CORRECT

C-POSTURE

Questa postura può essere semplicemente il risultato di una posizione inefficiente durante il set up e può essere corretta riportando il corpo ad una posizione in cui la curvatura della colonna vertebrale sia più neutra.

Sfortunatamente,la maggior parte delle Posture a C sono causate da una serie di squilibri muscolari e di limitazioni articolari che si sono sviluppati nel corso di molti anni.

          

La restrizione più significativa che si può notare nella postura a C è la mancanza di estensione nella zona toracica della spina dorsale. Ciò può portare a una grave perdita di rotazione della colonna vertebrale, che a sua volta limita la capacità di creare una buona rotazione nel backswing.

Cause più comuni

  • Mancanza di una tecnica corretta; non capire il corretto set up e la postura.
  • Mancanza di inclinazione del bacino, così che la parte superiore del corpo sia costretta a piegarsi all’address.
  • Bastoni troppo corti.
  • Essere posizionati troppo lontani dalla palla.
  • Grip “ troppo nelle dita” in entrambe le mani.

Il modo migliore per correggere la postura a “S” o a “C” è quello di affrontare questi limiti in palestra.

Trofeo Campano AGIS InterClub

In una sontuosa giornata di Sole, verde ed aria di primavera, si è svolta al Carney Park (campo nella solita forma smagliante, anche per la recente efficace manutenzione), una combattuta gara che includeva il Trofeo Campano AGIS InterClub e la prima gara InterRegionale 2017 in Campania.

Una sessantina di prenotazioni ha fatto temere il peggio per un campo di 9 buche, poi ci si è attestati su 51 e la gara, grazie anche allo spirito sportivo e goliardico dei partecipanti, è proceduta senza intoppi fino ad una conclusione in un po’ più di 5 ore.

Al termine facce soddisfatte ed anche affamate, a giudicare dalla veloce sparizione delle teglie di “past e’ fasùl” preparate dal cuoco Gianluigi.

La premiazione è stata preceduta da un breve cenno di benvenuto e di ringraziamento per la numerosa partecipazione di soci AGIS, anche di fuori regione (Bari, Riva dei Tessali, Metaponto, San Domenico) oltre che di tutti i club regionali incluso l’Arechi di Salerno ed escluso Mirabella.

A riprova dell’agonismo e del livello della tenzone, il Circolo Golf Napoli è risultato vincitore con 142 punti, ma solo per il migliore risultato scartato sul Volturno, anch’esso a 142.

Per la prova dell’Interregionale: 1° lordo Roberto De Salvi (Volturno); 1° e 2° netto di 1^ctg Nicola Pizzi (Napoli) e Vincenzo Giuliani (Volturno); 1° e 2° netto di 2^ctg Pasquale Grieco (Salerno) e Renato Sanseverino (Napoli); 1° e 2° netto di 3^ctg Ciro Caruso e Severino Ritrovato (entrambi del Napoli); i premi speciali tutti al Napoli: 1^Lady Annamaria Sepe Berardinone; 1° SS Clemente Biondi e 1° Master Giuseppe Villani.

Abbracci e Saluti finali, ma con un minaccioso “alla prossima” e cioè al Volturno il 29 Aprile.

Renato Sanseverino mattatore del WGT

Renato Sanseverino, con una splendida rimonta nell’ultima gara, bissa la vittoria e si conferma indiscusso campione del Winter Golf Trophy. Fortissima la tensione all’inizio della partita tra i contendenti il primo posto del torneo invernale a nove buche. A pochi minuti uno dall’altro, si avventurano tra le splendide e soleggiate buche del Carney Park Renato Luglio, Renée Sanseverino, Fabrizio Guida e Maurizio De Rosa per decidere chi salirà sul podio più alto. Tra i quattro contendenti, è l’indomito Sanseverino l’unico che riesce a non cedere i nervi segnando uno score con 18 punti stableford. A ruota, il solito Guida regge fino al giardinetto e poi, come suo solito, inanella tre x che gli fanno crollare le speranze. Lo sbordo della buca invece, sono il leit motiv della partita del povero De Rosa che aggiunge un’altra cocente delusione al suo palmares. Crolla miseramente in quest’ultima gara la rivelazione Luglio che era salito in vetta alla classifica ma, disturbato da due compagni di gioco che definire bricconcelli è poco, non è riuscito a mantenere la posizione di classifica. Tomo tomo cacchio cacchio si è inserito tra di loro il tenacissimo Flavio Fazioli che, reduce dalla terza vittoria nella classifica a coppie, ha sfoderato l’affondo finale.

La classifica generale, quindi, vede al terzo posto Fazioli, al secondo Guida e primo anche quest’anno il grande Sanseverino.

Al termine della gara sono stati distribuiti i premi del WGT individuale e a coppie.

L’appuntamento per tutti è al prossimo inverno!

Scroll to top